Showing posts with label Esposizioni. Show all posts
Showing posts with label Esposizioni. Show all posts

Thursday, June 9, 2011

11-12 giugno - SCARCITY







Costruzione.02 e Metricubi sono lieti di presentarvi Scarcity.

Attraverso la sensibilità di tre giovani artiste questa mostra riapre un dialogo intorno a quello che ha caratterizzato maggiormente il dibattito sociale e culturale degli anni novanta: la diffusione del virus HIV.
L’approccio volutamente non critico e la decisione delle artiste di affrontare un tema delicato attraverso un´estetica naif vogliono portare l’attenzione su quello che è stato l’impatto della diffusione della malattia sulle nuove generazioni. Legandosi indissolubilmente alla cultura gay, al concetto di genere, e al senso di responsabilità connesso all’atto sessuale, la sensibilizzazione culturale nata col propagarsi della malattia AIDS si è caratterizzata come una delle più imponenti campagne di prevenzione mai viste prima. 
Indagare cosa è rimasto nel nostro approccio alla sessualità, nelle libertà personali che riguardano le nostre scelte sessuali e interrogarsi sul ruolo dei media sono gli spunti che questa esposizione offre.


Works by CAMILLA FAGERLI, MIRIAM HAILE, LIV KALKREUTER
Exhibition presented by COSTRUZIONE.02 in collaboration with Federica Sosta

PROGRAMMA:


SABATO 11 GIUGNO
h.20,00 Opening
h 20,30 Aperitivo
h 22,00 Screening

DOMENICA 12 GIUGNO
h. 20,00 Exhibition is open!
h. 20,30 Aperitivo
h. 22,00 Screening


ingresso riservato ai possessori di tessera ARCI

Monday, May 30, 2011

The Book Affair






02 giugno alle 14.00 - 03 giugno alle ore 23.00

In the occasion of the four day opening of 54th edition of the Venice Art Biennale (1—4 June, 2011), Automatic Books, the independent publishing house run by Tankboys, Elena Xausa and Tommaso Speretta, presents The Books Affair, a two days of independent art publishers fair.

Most independent art publishers around the world are invited to show their books, discuss their ways of considering the independent publishing today, present their new future projects, and enjoy the large amount of exhibitions and events that will happen in Venice in those days.

Conferences, lectures and talks, book launches and book signing will take place during the fair.

The Books Affair will take place on June 2nd and 3rd at Metricubi, one of the few independently run exhibition spaces in Venice.

The Book Affair have been made possible thanks to the precious help of Metricubi.

For press material and further information write to
print (at) automaticbooks.org
http://t-b-a.tumblr.com/

Saturday, April 24, 2010

Stasera, 24 Aprile 2010: KINGS OF POP CORN - expo party


festa di inaugurazione mostra fotografica a cura di KINGS OF POP CORN

SPRITZ e CICCHETTI, a seguire DJ SET.
(spritz hour dalle 20.00 alle 21.00 con gli autori)

presentazione serata ore 21.00

ingresso libero

——————————————————————————————


Il Re del Popcorn era felice.

Era il tipo che amava sorridere, con tutte e due le bocche, e che sapeva incantare coi suoi discorsi del cavolo. In parole povere, diciamo che vi trovate nel piccolo universo del drive-in, e magari dovremmo dire nell’universo ancora più piccolo della vostra automobile o del vostro camper, e l’unica cosa che realmente abbiate sono i film. Non avete vero cibo, e in quanto a liquidi potete ingurgitare solo bibite; siete al massimo dell’iperglicemia, e le rotelle della speranza non girano più. Tutto ciò che avete è questa voce, liscia come le cosce di una stellina del cinema, morbida come piume d’oca, inebriante come rum e miele. Una voce che cola fuori dagli altoparlanti e scorre nelle vostre orecchie, vi forma attorno al cervello una gelatina che pare frutta candita.

La voce del Re del Popcorn che vi dice come stanno le cose, vi offre la verità, vi dice che lui vi ama e vi nutrirà e si prenderà cura di voi, e voi non dovete far altro che ricambiare quell’amore, e non dovete far altro che comprendere che ciò che vedete sugli schermi sono le visioni degli dèi, la verità universale, vecchio mio, e la maniera in cui dovreste condurre la vostra vita, perchè così dice il messia, il Re del Popcorn.

Sì, il Re del Popcorn era felice.

Ed era pazzo.

E stava dando una mano a rendere tutti più pazzi di quanto già non fossero.

———

Dalle parole di San Lansdale, apostolo e precursore dei nostri tempi - La Notte del Drive-in - 1988.

Sunday, December 13, 2009

Verso Itaca_


Verso Itaca_
a cura di Marta Pettinau


Verso Itaca_ è una mostra concepita come un archivio di pensieri grezzi, idee scartate, materiali instabili, precari, potenziali.L’obbiettivo è fare luce sui percorsi e i processi creativi di un gruppo di dieci giovani artisti, in relazione ai lavori che hanno prodotto nell’ambito del Laboratorio di Arti Visive dello IUAV, curato da Cesare Pietroiusti in collaborazione con Filipa Ramos.Non solo metafora del viaggio creativo dell’artista, il titolo si riferisce alla poesia di Konstantinos Kavafis (1863-1933), “Itaca”, oggetto di suggestioni all’origine di questa mostra, che diventa anch’essa residuo, in questo caso, del percorso progettuale del curatore.
artisti
Elisa Caldana, Cinzia Delnevo, Marco Di Giuseppe, Elena Mazzi, Lorenzo Mazzi, Violette Maillard, Martina Melilli, Claudia Rossini, Chiara Vitali, Chiara Zenzani


giovedì 17 dicembre 2009 ore 18.30 – 21.30
Metricubi
Campiello delle Erbe 2003, San Polo, Venezia

Friday, May 8, 2009

Le parole dell'immagine



Piccolo esperimento di interpretazione radicale
Che cosa accade quando due persone, due mondi diversi, forse incommensurabili, s’imbattono l’uno nell’altro? Può accadere che ci si comprenda, e il mondo (dell’uno e/o dell’altro) non è più lo stesso. (Oppure no).
Ma come? Quali meccanismi possono scattare nel corto circuito tra due linguaggi diversi? (Quello delle parole – a spezzoni, quotidiane e ricercate, pubbliche e private, illustri e sconosciute – e quello dell’immagine pura, anche se tecnicamente mediata, in cui la manipolazione coincide con la sua purezza espressiva).
Un’interazione di cui, tuttavia, prova a essere ora invertita la ‘gerarchia’. Un ben consolidato pregiudizio ‘logo-centrico’ può farci pensare che il bandolo della matassa interpretativa possa essere tenuto in mano innanzitutto dalla verbalità: di solito ciò che è più immediatamente sensoriale viene compreso, in quanto interpretato, da un testo scritto, descrittivo, argomentativo. Qui ci si proverà nel contrario.
Qui abbiamo provato cioè a invertire questa più quotidiana direzione (dall’immagine alla parola), per vedere se e come l’immagine fotografica possa aprire un nuovo senso, o chiuderlo. Come possa una foto “interpretare” la parola – parole amiche, remote, confidenziali, opache, famigliari, straniere. Come possa tradurle in un linguaggio più corposo, sensuale, immediato - ma anche più sfuggente-, aprire una soglia su altri mondi possibili.
Cos’è accaduto, infine? Intesa o fraintendimento?

Federica Gregoratto, Irina Mattioli